Cronache dall’India 2016 (2)

Poco più a nord di Haridwar si trova la famosa Rishikesh, rinomata come “capitale mondiale dello yoga”. Il Gange è più stretto qui e si vede scendere direttamente dalle montagne in mezzo alla foresta. Addirittura ai turisti viene offerta la possibilità di praticare rafting sul fiume o bungee jamping giù dalle rocce. Ma lo yoga è sicuramente più adatto al posto rispetto agli sport estremi.

Nonostante sia questo il mio decimo viaggio in India, è la mia prima volta a Rishikesh. Forse, in qualche modo, avevo paura di essere delusa. Invece il luogo non delude affatto. È bellissimo.image imageimagePer prima cosa, Rishikesh è un luogo sacro e la frequentazione degli stranieri non ha alterato più di tanto le abitudini consolidate di sadhu e pellegrini. I sadhu sono tantissimi e hanno i loro luoghi di ospitalità e i loro templi. Le mucche girano indisturbate tra stranieri, pellegrini,  locali e sadhu, in un miscuglio molto democratico perché tutti, in qualche modo, condividono la spiritualità  del luogo.image

Inoltre, Risikesh si trova in un bellissimo contesto naturalistico, ed è circondata da boschi. Lo dimostrano le numerose famiglie di scimmie che si muovono a gruppi e non hanno alcun timore ad entrare nelle camere d’albergo e nei piccoli ristoranti.

image

I posti più belli si trovano -secondo me- sulla riva sinistra del fiume. La cittadina è costituita da più centri, in corrispondenza delle anse del fiume, però ci sono anche due ponti sospesi, accessibili solo ai pedoni, biciclette e motociclette. Sul l’altra riva quindi non ci sono auto, è molto silenzioso e raccolto. Infatti qui è maggiore la concentrazione di scuole di yoga.

Le mie amiche pratiche di Rishikesh mi avevano avvisata del fatto che gennaio è freddo e molte scuole di yoga sono chiuse. Sul fatto delle scuole di yoga, non mi sono preoccupata perché la mia sosta qui è soltanto di qualche giorno e le lezioni non mi interessano più che tanto. Bisognerebbe fermarsi almeno due settimane e prendere accordi con l’insegnante in precedenza. Sul fatto del freddo, avevo sottovalutato. Qui non esiste riscaldamento e fa un bel freddo, davvero. Una notte c’è stato un temporale gigantesco. Sembrava di avere cento tamburi di metallo sulla testa e cascate di acqua. Il giorno dopo, un bel sole e cielo azzurro. Ho pensato ai sadhu sorpresi da questo uragano, ma erano di nuovo tutti al loro posto, come non fosse successo niente.

image image
image

Sulle scuole di yoga, che è poi forse l’argomento più interessante, tutti gli “stili” di yoga sono rappresentati e offrono lezioni regolari e “teacher training” . Inoltre, gli alberghi hanno le sale da yoga! Quindi si potrebbe organizzare un bel soggiorno, assumendo anche un insegnante di Iyengar yoga locale, apposta per il nostro gruppo! Questo è quello che fanno numerosi insegnanti di yoga occidentali e i gruppi sono attesi da febbraio a maggio, il periodo migliore per Rishikesh. Oppure -questa è la possibilità più adatta agli studenti avanzati e a chi sa bene l’inglese- semplicemente si contatta una delle scuole locali di Iyengar yoga e si prenota un periodo di lezioni sul posto.

Forse, prima o poi, mi verrà voglia di passare un po’ di tempo a Rishikesh per studiare, ora che ho visto come è bello il posto….ho molte idee per i prossimi viaggi….

Emanuela, 22 gennaio 2016