Sunitaji: libertà nel bacino e torsioni

Una sequenza insegnata da Sunitaji al RIMYI ha posto l’attenzione sulla flessibilità e libertà del bacino e la pratica delle torsioni.

Dopo adho mukha virasana, adho mukha svanasana, uttanasana (schiena concava) e prasarita padottanasana, la libertà va ricercata nella pratica di sirsasana (8 minuti, senza variazioni).  Sollevare la parte superiore delle braccia, portare gli ischi e le natiche in dentro per allineare le gambe. Rendere aperta la mente per non oscillare. Per recuperare, adho mukha svanasana, uttanasana.

Quindi, pratica delle estensioni in avanti, seduti su coperta, ischi più alti delle cosce: paschimottanasana, triang mukha ekapada paschimottanasana. Come in sirsasana, portare i due lati dell’osso pubico verso l’alto. Afferrare i lati dei piedi per concavare la schiena. Le gambe fanno dandasana, estendere il lato interno delle gambe in su e indietro, piegare i gomiti e andare in avanti mantenendo  le costole in dentro.

Layout3Dandasana, paschimottanasana. Testa su, schiena concava, poi posizione completa con gomiti aperti. L’interno delle gambe si deve allungare per dare libertà all’addome.

Ardha badda padda paschimottanasana, tenendo il piede con la mano se possibile. Ruotare in dentro la coscia della gamba in padmasana e andare in avanti. Gamba sotto in dandasana, ascelle in avanti. Testa parallela al pavimento: diversamente, i due lati dell’addome non capiscono che si devono allungare in avanti. Il tronco deve ruotare dalla gamba in padmasana in direzione della gamba in dandasana, che ruota in dentro. Le pareti dell’addome parallele.

Paschimottanasana, ci sono dei cambiamenti rispetto alla prima posizione? Più libertà nell’addome? Concavando le costole si fa spazio per l’addome.

Marichasana 1. Tronco in avanti per afferrare le braccia, poi ancora tronco in avanti.   Non ci deve essere spazio tra ascella e tibia. L’ascella deve andare in avanti e spingere contro la tibia per permettere all’addome di ruotare verso la gamba distesa. 

Paschimottanasana la radice delle cosce deve  spingere verso il pavimento. Spazio nel tronco, spazio nella mente

Janu sirsasana. Stessa azione di ardha badda padma, rotazione dell’addome verso la gamba distesa, che fa dandasana. Le ascelle parallele. Le pareti dell’addome parallele. La parte inferiore dell’addome e la zona dell’ombelico parallele. Osservate i due lati dell’ombelico, se sono allineati. La parte inferiore dell’ombelico deve estendersi in avanti, non verso il basso. Cercate di comprendere la distanza tra l’ombelico e il pavimento. L’addome ruota verso la gamba in dandasana, l’interno della gamba in dandasana ruota verso l’addome.

Paschimottanasana. La radice delle cosce deve continuare a scendere. Osservare l’ombelico. Sollevare i gomiti, dare spazio al tronco, spazio alla mente.

Baradvajasana. Retro del palmo contro la gamba per estendere verso l’alto il torace, libertà nel torace, alzare e ruotare l’ascella.

Baradvajasana 2

Marichasana 2 e 3. Chi non sa eseguire la posizione deve mettere più altezza, usare la cintura. La cosa importante è l’azione.

Ardha matsyandrasana. Sentire la spinta degli ischi contro il piede, per sollevare i due lati dell’ombelico. Non lasciare scivolare il bacino in avanti. Ci vuole chiarezza nell’appoggio, altrimenti non può avvenire la torsione. Che cos’è una estensione e che cos’è una rotazione? Che cosa si ruota? Le costole? La colonna. Cercate di capire come muovere la colonna, come ruotarla. Usare il muro piuttosto.

Pasasana. Sollevare il tronco e ruotare, natiche giù e rotazione completa: addome, torace, ascelle, tutto oltre il ginocchio. La direzione del coccige e delle natiche giù deve essere chiara per dare estensione alla colonna. La rotazione nasce dal coccige.

Dandasana

Layout4Ardha matsyandrasana 2. Le persone si guardano intorno perché non conoscono questa posizione per niente. Essa riassume tutte le azioni fatte in precedenza. Afferrare il piede come in ardha badda padma paschimottanasana e ruotare.

Parivrtta janu sirsasana. Ruotare il torace da sinistra a destra. Questa è anche una estensione laterale, più vicina a trikonasana come azione, a parsvakonasana. Non cascate sulla gamba estesa, ruotare il torace verso l’alto, come fareste in parsvakonasana. Ginocchio della gamba piegata si estende lontano dal torace.

Halasana su bolster, parsva halasana. Supta konasana, parsva halasana

Savasana

 

1 reply

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...